Presentazione Registri

 

Registro Toscano Tumori

Il Registro Toscano Tumori (RTT), istituito dalla Legge Regionale della Toscana n. 60/2008, è inserito tra i registri di rilevante interesse sanitario ed è accreditato  dall’Associazione Italiana dei Registri Tumori (AIRTUM).

Scopo del RTT è fornire informazioni sulla incidenza, mortalità, sopravvivenza per la patologia oncologica nella Regione Toscana. E’ realizzato in collaborazione con il Registro di Mortalità Regionale.

Il RTT mette a disposizione della rete oncologica regionale tutte le informazioni disponibili e viene continuamente arricchito di nuove elaborazioni.

I dati rilevati dal RTT sono utili per lo studio dei rischi presenti nella comunità, le attività di prevenzione primaria e secondaria, la valutazione della qualità dell’assistenza oncologica, lo studio dei percorsi diagnostico-terapeutici e il governo clinico.

Per approfondimenti

 

Registro Mortalità Regionale (RMR)

La rilevazione delle cause di morte viene svolta in Toscana dal RMR, istituito con Delibera della Giunta Regionale n. 11409/1986.
Il registro è attivo dal 1985 per le province di Firenze e Prato e dal 1987 per tutta la Regione. Il RMR raccoglie gli archivi di mortalità delle 12 Aziende USL toscane, effettua controlli di qualità, codifica centralmente la causa di morte, restituisce alle Aziende l'archivio in occasione dell'incontro annuale con i referenti aziendali, distribuisce un software per le elaborazioni statistiche degli indici di mortalità, effettua elaborazioni dei dati aggregati e diffonde tali elaborazioni in un report annuale consultabile anche online (http://ius.regione.toscana.it/cif/stat/index-sanita.shtml).
Grazie agli oltre 20 anni di mortalità in Toscana fin qui raccolti (circa 880.000 decessi) e alla centralizzazione di alcune fasi del flusso informativo che garantisce la confrontabilità dei dati fra le 12 aziende USL, il RMR è in grado di effettuare analisi spazio-temporali di mortalità in modo affidabile.

Entra nel Registro
 

COR dei mesoteliomi della Toscana (Archivio Toscano dei Mesoteliomi Maligni)

L'Archivio Regionale Toscano dei Mesoteliomi è stato il primo registro italiano basato sulla rilevazione di casi e sulla definizione delle occasioni di esposizione ad amiano tramite effettuazione di intervista ai pazienti affetti da mesotelioma o ai loro parenti.
La rilevazione dei casi di mesotelioma con intervista e attribuzione dell'esposizione ad amianto è attiva sul territorio regionale dal 1988. La Regione Toscana ha assegnato all'ISPO (Delibera Giunta Regionale n. 1252 del 24/11/2003) la realizzazione e la tenuta del Centro Operativo Regionale (COR) del Registro Nazionale Mesoteliomi (RENAM), istituito presso l'ISPESL con DPCM n. 308/2002. Il COR mesoteliomi toscano è, ad oggi, parte del COR Toscano per i Tumori Professionali che gestisce anche il Registro dei tumori naso-sinusali.
Gli obiettivi fondanti il registro mesoteliomi sono la valutazione dell'andamento dell'incidenza e della mortalità del mesotelioma sul territorio regionale, la definizione delle esposizioni ad amianto per la valutazione dei rischi per settore lavorativo e per la tutela assicurativa. Essendo il primo registro nato in Italia, ha contribuito a definire le modalità di rilevazione del mesotelioma e i criteri per la classificazione delle esposizione ad amianto adottati dal Registro nazionale (RENAM).
Nel  periodo 1988-2006 sono stati registrati 954 casi di mesotelioma in Toscana; per 858 casi è stato possibile raccogliere una intervista e valutare l'esposizione ad amianto.

Entra nel Registro